Sposarsi al mare

Curiosità di un matrimonio da record: qualche anno fa in Toscana, precisamente all’Isola d’Elba sulla splendida spiaggia di Morcone in località Capoliveri, una coppia di sposi elbani ha stabilito un nuovo record da Guiness dei Primati insieme agli invitati alle nozze, ovvero il maggior numero di persone immerse in acqua per assistere ad un matrimonio subacqueo. I due sposi infatti si sono sposati sott’acqua celebrando un matrimonio subacqueo e i festeggiamenti sono poi proseguiti in spiaggia.

 

Al di là di record ed imprese epiche, oggi sposarsi in spiaggia è un sogno di molti. Si tratta di coppie nate o che vivono al mare ma anche di tanti amanti delle coste italiane, non necessariamente originari di località marine. Ma come fare? Se  volete organizzare il vostro matrimonio in riva al mare ecco alcuni consigli degli esperti dell’agenzia SR W & EP di Sabrina Roghi.

 

In Italia ci si può sposare in spiaggia? Adesso si: è possibile sposarsi in spiaggia ormai da qualche anno, da quando cioè a seguito della crescente richiesta molte spiagge si sono attrezzate per ospitare i matrimoni, dalla cerimonia nuziale fino al banchetto e i festeggiamenti. Ma come si fa in pratica? Occorre affittare uno stabilimento balneare o un hotel che abbia la spiaggia in concessione e poi pensare all’organizzazione della cerimonia, rito e festeggiamenti.

 

Quale rito può essere adottato e quale la validità della celebrazione sul mare? 

Il rito religioso prevede che il matrimonio avvenga in un luogo consacrato, per cui in spiaggia è possibile celebrare solo il rito civile non quello religioso. Ormai molti comuni italiani contemplano la possibilità che un loro funzionario o il sindaco stesso vada a celebrare la cerimonia nuziale in spiaggia con tanto di fascetta tricolore. Alternativamente è possibile celebrare il matrimonio con rito religioso o civile in precedenza e allestire poi un rito simbolico in spiaggia.

 

Se il proprio comune di residenza non consente di sposarsi in spiaggia?

Le soluzioni sono due: è possibile sposarsi in un altro comune avvalendosi del supporto di un’agenzia o di un professionista del wedding planning che troverà sicuramente la soluzione che fa al caso vostro, oppure celebrare il matrimonio con il rito simbolico sbrigando prima le questioni burocratiche e successivamente celebrare la cerimonia sul mare. E’ possibile scegliere tale soluzione anche se la coppia intende sposarsi in spiaggia senza rinunciare all’unione religiosa, con un doppio rito a tutti gli effetti.

 

Ci si può sposare in qualsiasi spiaggia si desideri? In genere i matrimoni non vengono celebrati sulla spiaggia libera, tranne rare eccezioni, bensì in stabilimenti balneari che hanno la spiaggia in concessione. Questa soluzione consente anche di usufruire di tutti i servizi annessi, dalle strutture agli allestimenti fino al servizio di ristorazione. 

 

State pensando ad un matrimonio sul mare? Rivolgetevi agli esperti dell’agenzia SR W & EP di Sabrina Roghi. Sapremo realizzare il vostro matrimonio da favola al sapore di sale. 

Contattaci per una consulenza personalizzata https://www.sabrinaroghiweep.com/contatti/

Scrivi commento

Commenti: 0